Prima regola Clarice: semplicità.
Leggi Marco Aurelio: di ogni singola cosa chiedi che cos'è in sè, qual'è la sua natura.
Da: "Il silenzio degli innocenti".
Un bravo artista è destinato ad essere infelice nella vita:ogni volta che ha fame e apre il suo sacco,vi trova dentro solo perle.
Hermann Hesse

23/01/14

Sono Incazzata

Sono incazzata, sono incazzata nera.
Sono incazzata con il mondo, con la gente,con la televisione ipocrita, con tutti.
Non è semplice..dai l'anima nel fare le cose ma nessuno la da a te.
Nessuno è disposto ad ascoltare, a fare un compromesso.
Dannazione, quanto sono stata ingenua.
Ho le ginocchia fragili, il cuore spento, mi sento scoppiare dentro e non posso fare nulla.
Altro che cambiare il mondo, non riesco a cambiare neanche me stessa figuriamoci il mondo. Rimane tutto nella mia testa.
Perché nessuno riesce, vuole, capire?.
E' davvero difficile essere forte, difendersi da certe emozioni incontrollabili, da uno sguardo, da una parola detta senza pesare, solo per fare un po' di rumore.

31/12/13

Buon 2014 A Tutti Noi Che...

Non ci stanchiamo mai di lottare anche se stanchi.
Noi che zoppichiamo su un mondo pieno di sassi e sterpi a testa alta, sempre poco sicuri delle nostre scelte.
Noi che,  feriti da mille combattimenti, stringiamo i denti senza mai dire basta, senza mai piegarci su noi stessi.
Noi che amiamo passare le festività in famiglia, noi che quando vai via...non respirò più.
Noi che balliamo su un palco senza spettatori, forse con il bisogno di qualche applauso, ogni tanto.
Noi che amiamo fino allo sfinimento, che fermiamo quei piccoli, brevi istanti fotografandoli con gli occhi.
Auguri a tutti voi.
Miriam D.R.

29/12/13

Un po' in ritardo..

Tanti auguri a tutti, un po' in ritardo ma ci sono, tra mille impegni, follie, emozioni, un altro anno sta per andarsene.
Quante emozioni, paure, gioie, dolori sono ormai passati. Quante volte avremmo voluto buttare all'aria tutto, lasciarci alle spalle una vita. Ma siamo ancora qui, più forti di prima grazie alle dure prove che la vita ci ha messo davanti.
E ora di dirci che possiamo farcela, sempre, che riusciremo a fare tutto ciò che abbiamo prefissato, che nessuno potrà mai dirci che non siamo capaci di fare qualcosa, che nessuno potrà mai mettersi fra noi e i nostri sogni  e nessuna parola potrà abbatterci a tal punto da rinunciare a inseguire i nostri sogni.

Buona domenica.
Miriam D.R.

Elisa feat Ligabue-Gli ostacoli del cuore.

21/12/13

Ti Faranno Credere(Menzogne)-Miriam D.R.

Ti faranno credere che sei un cittadino italiano e che, in quanto tale, dovrai spezzarti la schiena tutti i giorni avendo cura però di non lamentarti mai dello scarso salario tagliato a metà dalle tasse.
Ti faranno credere che è giusto sacrificarti per il bene del paese e che non c'è bisogno che qualcuno si sacrifichi per te.
Ti faranno credere che è giusto sputtanare i tuoi simili per arrivare in alto.
Ti faranno credere di indagare per estirpare la piaga, di privarsi degli eccessi e dei privilegi consegnatagli da chissà quale potere superiore.
Ti faranno credere di avere il potere nel palmo delle mani, di essere al tuo servizio nel tuo unico interesse.
Ti faranno credere che l'ingiustizia è in realtà giusta, che non hai altre possibilità se non quella che stai vivendo. Ti braccheranno, ti spingeranno con le spalle al muro e il volto basso prima di fucilarti senza bisogno di armi.
Ti faranno credere che va tutto bene mentre il mondo va a pezzi e i campi di girasoli bruciano, ti faranno morire con un sogno nel cassetto e una vita di sacrifici mentre ti chiedi se quella era davvero la vita che avresti voluto.
Ti faranno credere che i sogni muoiono nell'istante in cui varchi la soglia di bambino, che i soldi sono l'essenza della vita.
Ti faranno credere che sei solo, che la tua coscienza non è pura, che sei un pazzo folle visionario, che non hai ragioni per  essere incazzato, perché in fondo va tutto bene..... giusto?.


Miriam D.R.
Questo è il mio sfogo.

25/11/13

Pensieri Di Una Domenica Sera

Stasera ho messo il naso fuori dalla finestra, la luna era grande, vicina e luminosa e disegnava un mezzo sorriso nel cielo. C'erano le stelle, il gelo della notte cominciava a farsi strada e allora ho pensato al natale e a tutta quell'atmosfera festosa che si porta dietro. Ho pensato "fra poco è Natale" e non so' perché ma mi si è riempito il cuore di nostalgia. Allora sono uscita fuori in giardino, mi sono seduta sotto al portico avvolta in una coperta di pile e ho acceso una sigaretta. In quel momento mi sono venuti alla mente tanti ricordi, ricordi di bambina, di quando a Natale si stava tutti assieme e i bambini recitavano le poesie a memoria in cambio di applausi e regali. Ho ricordato mio nonno, l'ho visto seduto attorno al tavolo pieno di ogni ben di Dio e mi sono sorpresa perché quell'immagine non mi era mai tornata in mente fino ad ora. Allora ho sorriso, brindando alla luna e al Natale che è prossimo. Ho brindato, ma c'era qualcosa  che mi turbava e non era nell'aria o nel bagliore della luna.
Ho spento la sigaretta e sono rientrata. "Va dormire", mi sono detta. "Non è ancora arrivato il momento".


Miriam D.R.

23/10/13

Peter Pan- Enrico Ruggeri

















Non permettiamo alla vita di rubarci ciò che di più caro ci rimane: il nostro lato infantile, quello che ci fa ancora sognare, ridere, scherzare. Togliamoci quella maschera seriosa tipica dell'età adulta e godiamoci la vita che è breve e non permette una seconda possibilità.

Miriam D.R.

12/09/13

04/09/13

Ascolta- Miriam D.R.

Chiudi gli occhi, ascolta.
Campi di papaveri distesi al sole,
foglie che danzano nel vento,
il canto di una tortora innamorata,
il dolce squittio di uno scoiattolo in amore.
Continua ad ascoltare.
Lo scrosciare del fiume che scorre lento
investendo cocci e sassi,
un ramo galleggia, si perde all'orizzonte.
Poi...
Gocce di pioggia sull'erba,
sull'acqua limpida del fiume,
sulle foglie di un albero millenario.


Miriam D.R.

La Belva- Poesia di Giovanni Ruggiero

Ti parlo della belva se ti va... 
Poteva esser diversa ma lei non ci stà...
Mi fa male questo...

La belva vorrei vederla sorridere.. ma non lo fa mai. 
Dovete sapere che..
La belva non ha persecutori. 
La belva si bracca da sola non si concede tregua. 
La belva non chiede spiegazioni non ne sente il bisogno. 
La belva non è indulgente ma pretende indulgenza...
La belva è un discreto attore ma la fregano gli occhi. 
La belva è brava con le parole, ma la fregano i gesti.
La belva ha un po' di esperienza ma la butta nel cesso.
È un tranello di buone intenzioni.
Per il ricatto di uno spillo non gusta l'aria..
Se non fosse vanitosa... eviterebbe lo specchio.
La belva è un fiume impossibile da arginare.
Con la belva sembra grigio anche il cielo più azzurro.
La belva è buona... nessuno lo sà veramente..
Ma io ancora spero, vederla un giorno sorridere.

Solo Per Oggi

Papa Giovanni XXIII 

Solo per oggi
cercherò di vivere alla giornata senza voler risolvere i problemi della mia vita tutti in una volta.
Solo per oggi
avrò la massima cura del mio aspetto: vestirò con sobrietà, non alzerò la voce, sarò cortese nei modi, non criticherò nessuno, non cercherò di migliorare o disciplinare nessuno tranne me stesso.
Solo per oggi
sarò felice nella certezza che sono stato creato per essere felice non solo nell'altro mondo, ma anche in questo.
Solo per oggi
mi adatterò alle circostanze, senza pretendere che le circostanze si adattino ai miei desideri.
Solo per oggi
dedicherò dieci minuti del mio tempo a sedere in silenzio ascoltando Dio, ricordando che come il cibo è necessario alla vita del corpo, così il silenzio e l’ascolto sono necessari alla vita dell’anima.
Solo per oggi,
compirò una buona azione e non lo dirò a nessuno.
Solo per oggi
mi farò un programma: forse non lo seguirò perfettamente, ma lo farò.
E mi guarderò dai due malanni: la fretta e l’indecisione.
Solo per oggi
saprò dal profondo del cuore, nonostante le apparenze, che l’esistenza si prende cura di me come nessun altro al mondo.
Solo per oggi
non avrò timori.
In modo particolare non avrò paura di godere di ciò che è bello e di credere nell'Amore.
Posso ben fare per 12 ore ciò che mi sgomenterebbe se pensassi di doverlo fare tutta la vita.


02/09/13

Crisi Di Panico

"Le crisi di panico aggrediscono molti di voi.
Sono paure incomprese da chi non ne soffre.
E' un terrore smisurato di perdere il controllo e di morire. E' una paura che ti divora, anche quando non l'hai, fomentata dal terrore che ti assalga. E allora torna, ti fa battere il cuore, ti secca la gola, ti blocca le articolazioni, e può portarti al collasso e alla morte. Sì si può anche morire di paura, come di solitudine, d'indifferenza, di vergogna. Non ne parlo per sentito dire, io non sono un eroe, io sono una parte di te, quella che ha paura.
Non riuscivo più a guidare, a nuotare a fare un passo..perfino a chiedere aiuto. Sono stato molto disturbato, un tempo. Se può consolarti ti assicuro che agli imbecilli non vengono e il tuo dna è marchiato da una qualità oggi fuori moda: la sensibilità. Questa tua luna nera, chiamiamola così, potresti anche ringraziarla un giorno perché coincide con quanto di più puro di alto e di nobile custodisci dentro di te. La tua irripetibilità è la tua arte. In una crisi di panico la parte migliore di te sta rifiutando di conciliarsi con il greve mondo esterno. Piantala di darle torto e di volerla normalizzare. Ha ragione lei. E sappi che c'è chi ti comprende. E' una minoranza ma non sei solo. Devi cercarli. Non puoi pretendere di parlare di girasoli in casa del macellaio.
Tanto per cominciare sappi che una paura tira l'altra, come le patatine fritte. Devi, qui ed ora, contrastare questa malattia. Ti dò per certo che esistono degli psicofarmaci in grado di bloccare le crisi di panico. Ora sai che se ti verrà un attacco di panico lo potrai contrastare con il numero di gocce che ti avrà prescritto lo specialista. Detto questo evitale finché puoi. Accetta la tua luna nera. Invita a cena il mostro. Svegliati una mattina e programma volontariamente le cose che ti provocano il panico. Devi praticarle in modo graduale, aumentando via via gli obbiettivi che ti sei posto. Anche se è umiliante, fatelo. Nessuno può salvarvi dalle crisi di panico. E ' una delle più illusorie cazzate che potete raccontarvi. Soltanto voi potete farlo."

Da Alcatraz, Jack Folla.

31/08/13

E' da tutta una vita che ti aspetto.

 "Ho un segreto da confessarvi. Avvicinatevi. Non leggiamo e scriviamo poesie perché è carino. Noi leggiamo e scriviamo poesie perchè siamo membri della razza umana. E la razza umana è piena di passione.La poesia, la bellezza, il romanticismo, l'amore..sono queste le cose che ci tengono in vita. Citando Walt Whitman : o me o vita. Domande come queste mi perseguitano. Infiniti cortei di infedeli, città gremite di stolti..che v'è di nuovo in tutto questo?. Risposta: che tu sei qui. Che la vita esiste. E l'identità. Che il potente spettacolo continua e che tu puoi contribuire con un verso.
Quale sarà il tuo verso?."










30/08/13

Gianni Togni- Luna

Oggi mi sento un po' come il protagonista di questa canzone...un po' come guardassi anch'io il mondo da un oblo'...Buon Pomeriggio a tutti.

27/08/13

Fuori posto- Charles Bukowski

Brucia all’inferno
questa parte di me che non si trova bene in nessun posto
mentre le altre persone trovano cose
da fare
nel tempo che hanno
posti dove andare
insieme
cose da
dirsi
insieme.

Io sto
bruciando all’inferno
da qualche parte nel nord del Messico.
Qui i fiori non crescono.

Non sono come
gli altri
gli altri sono come
gli altri.

Si assomigliano  tutti:
si riunisco
no
si ritrovano
si accalcano
sono
allegri e soddisfatti
e io sto
bruciando all’inferno.

Il mio cuore ha mille anni.
Non sono come
gli altri.
Morirei nei loro prati da picnic
soffocato dalle loro bandiere
indebolito dalle loro canzoni
non amato dai loro soldati
trafitto dal loro umorismo
assassinato dalle loro preoccupazioni.

Non sono come
gli altri.
Io sto
bruciando all’inferno.

L’inferno di
me stesso.




Jack Folla- Papà Pierrot


Riflessioni di un Martedì

Guardavo nei suoi occhi, cercavo qualcosa senza sapere che non l'avrei mai avuto, che era al di fuori della mia portata, che non avrei mai potuto plasmarlo a modo mio.
Cercavo, e intanto imparavo.
Imparavo a conoscerlo ma allo stesso tempo lo evitavo. Non volevo crederci, volevo vedere solo l'azzurro dei suoi occhi, non importava se quello che stava dentro era diverso da quello che avevo sempre cercato, io avrei evitato di guardare troppo a fondo.
Era tutto un sogno, un immagine creata dalla mia mente plasmata a mio piacere per farmi piacere come la maschera che indossavo.
Nessuno sapeva davvero chi fossi, nessuno riusciva a vedere oltre, a nessuno importava soffermarsi oltre quel sorriso, capire perché.
Quanti pomeriggi passati ad ammazzare il tempo, sognando ad occhi aperti un mondo che forse era solo il mio, un mondo che non avrebbe mai potuto essere se non nei miei sogni. E, in quel mondo, io non ero più io. Volavo con la fantasia, non ero più la ragazza confusa, quella stralunata incazzata col mondo che cercava di cambiarlo. Era il mio sogno, e nel mio sogno potevo permettermi di essere e fare ciò che volevo. 
Ma non potevo fingere, non potevo non vedere, anche se non volevo. E allora il sipario è calato e ho imparato che non si può avere tutto quello che si vuole, che la vita è ingiusta, che nessuno è perfetto, che nessuno sarà mai all'altezza delle nostre aspettative.


Miriam D.R.


16/07/13

Lunedì Sera

Il solo fatto di vivere riserva delle montagne di tristezza.
Nei panni stesi al sole, nello spazzolino da denti gettato malamente sul lavandino, nella trama di un asciugamano steso al sole su cui è rimasta la sagoma del padrone.
Tutto passa, tutto finisce in una scatola di cartone rimasta ad ammuffire in una cantina buia e umida, la cantina dei ricordi. Ogni tanto la apri e ripeschi un ricordo, uno di quelli che avevi scordato, uno di quelli che ti fa sorridere tanto è inaspettato. Quanti ricordi, emozioni, sospiri, pianti, risate. E' passato davvero tutto quel tempo o è solo un illusione? Ma no, è solo la vita che scorre, il destino bastardo, e se avessi scelto quella via invece dell'altra?. Domande, risposte, quesiti..ma infondo ha davvero importanza?.
Buona Notte.

Miriam D.R.

23/06/13

Una Notte

E tutto ciò che rimane è il silenzio.
Un silenzio fatto di oggetti, scadenze, di parole non dette o dimenticate, un silenzio pieno di chiacchere che girano e rigirano nella mente pronte a tenerti insonne per ore. E' un silenzio strano quello che regna in una casa dopo che tutte le luci si spengono, un silenzio irreale, colmo di nostalgia, paura, tristezza. E' come se insieme a quelle lampadine qualcuno azionasse il pulsante che accende la mente, facendoci rimuginare su tutto, come vecchi ricordi che credevi di aver perso e invece eccoli lì. Forse è per questo che qualcuno ha detto che la notte porta consiglio.

Miriam D.R.


14/06/13

Il Mio Migliore Amico(Mi ha fatto questo).

"Mi bastava solo un gesto d' affetto
una carezza dettata dal cuore
ma hai voluto negarti il rispetto
la dignità come prezzo al dolore".



Questa poesia è stata scitta da Damiano (volinversi.blogspot.it) su mia richiesta. Ho chiesto a lui di farlo in quanto lo stimo molto come poeta e artista di vita. Mi sono permessa di darle un titolo e spero che ti piaccia.

Questa poesia è dedicata a tutti gli animali che soffrono.
Grazie Damiano. Riesci sempre a lasciare il segno.

12/06/13

Aggiungi un posto a tavola? No, nella borsa!

 Eccola qui la nuova arrivata in famiglia! Ebbene sì, lei è Minù, la piccoletta della casa, e come tutti i piccoletti ha un'aria innoccente e dolce...ma dietro l'apparenza si sà c'è tutto un mondo e questo credo che l'abbia ben capito la già residente gattona di sei anni, Bionda, già prima che la piccola le si avventasse addosso con l'intento di giocare (in un modo tutto suo devo dire).  La guarda, la riguarda, non smette di seguirla con lo sguardo e poi, quando finalmente si è rilassata..ecco il momento guisto per giocare! E la povera Bionda stesa a sonnecchiare salta dallo spavento!
E' una vera bomba Minù, una botta di allegria, un uragano che travolge tutta la casa, di notte quando si diverte a tirarmi i capelli o al sorgere del sole, quando salta sul letto e fa di tutto pur di svegliarmi.
Devo dirvi..l'adoro! Proprio in questo momento sta facendo avanti e indietro sulla tastiera del pc facendomi cancellare e scrivere cancellare e scrivere...ma l'adoro!
I Miei Amori..Non sono adorabili?

19/05/13

Lavoro Part-Time su..me stessa.

Sono tornata, più carica che mai, ma credo anche più forte di prima.
Dovete capirmi, avevo bisogno di cambiare rotta, deviare quella maledetta strada dritta che ogni sera mi portava a casa. Avevo bisogno di odori diversi, rumori e silenzio, solitudine. Sentivo il bisogno di inoltrarmi in quella boscaglia tetra e scura, quella che solca i limiti della strada che porta a casa, quella delimitata dalle strisce bianche di una tangenziale.
Volevo andare lì, nel buio, in ciò che è stato dimenticato e mai restaurato. Volevo sedermi tra l'erba incolta e umida, poggiare la schiena contro una quercia vecchia ma solida e sentirmi finalmente a casa. Cel'ho fatta, ho trovato la mia strada, il mio posto nel mondo, la nicchia in cui rifugiarmi. Ho lavorato part-time su me stessa, su una vita in cui tutto è precario, provvisorio. Una vita in cui ho imparato a incollare pezzi, rattoppare, sistemare. Una vita difficile ma comunque amata.
E' finito il tempo dell'insicurezza, delle paure. Ora la testa la tengo alta, gli occhi puntati in alto, la schena dritta.
E' si ragazzi. Sono orgogliosa di me stessa. E questo nessuno me lo può levare.
Un Abbraccio.